Approvati il Piano Strutturale e il Piano Operativo

Nella seduta di ieri del Consiglio comunale sono state approvate la variante al Piano Strutturale e il nuovo Piano Operativo.

"Rignano si dota di uno strumento necessario per lo sviluppo della nostra Comunità", ha dichiarato il Sindaco Daniele Lorenzini. "Lo abbiamo voluto fortemente e ringrazio la mia Giunta e tutti gli uffici tecnici comunali per l’impegno profuso in questi mesi. Si tratta di uno strumento che risponde alle necessità del nostro territorio. Con la Giunta siamo convinti che un Piano Operativo - che agisca secondo i fondamenti di un ottimo Piano Strutturale - debba avere la capacità di essere sufficientemente contemporaneo e necessario nell’immediato, ma senza chiudere le strade al futuro tenendo conto di come le esigenze e le necessità della vita cambiano in breve tempo. Rignano, come tutte le altre realtà di questi anni, si trova a dover affrontare importanti sfide, non solo urbanistiche, in termini di opportunità di lavoro e della qualità della vita".

"Si è concluso l’iter iniziato con la nostra legislatura per la conformazione del Piano Strutturale, approvato dalla precedente Amministrazione nel tardo 2014, e la redazione del relativo nuovo Piano Operativo", spiega l'Assessore Alessio Pezzatini. "Due strumenti efficaci e al servizio della comunità per quanto riguarda il governo del nostro territorio per la Rignano di domani. Una visione salda e su cui da subito abbiamo voluto improntare l’intero lavoro: il non consumo di suolo, il recupero del patrimonio edilizio esistente, uno sviluppo sostenibile e una salvaguardia delle tante specificità del nostro territorio".  "E' con profondo orgoglio  - conclude Pezzatini - poter affermare di aver messo a disposizione del nostro Ente e dell’intera Comunità degli strumenti urbanistici, non soltanto pienamente conformi alle leggi che governano il territorio, ma che altresì danno la possibilità di garantire uno sviluppo e una salvaguardia del nostro territorio secondo quelli che erano e sono i principi cardine a cui ci siamo ispirati".

Si ringraziano, oltre a tutti i cittadini, i professionisti e le associazioni di categoria per il loro apporto, la Regione Toscana, Città Metropolitana, Genio Civile, Autorità Idrica Toscana, Autorità di Bacino Distrettuale, ARPAT e la Soprintendenza che, ognuno per la parte di sua competenza, attraverso i loro contributi hanno permesso, lavorando di concerto con i nostri uffici, di arrivare ad un’approvazione in tempi rapidi dell’immenso lavoro cui erano chiamati a fare.

Ultimo aggiornamento: Mer, 27/04/2022 - 11:48